02Agosto2022 crescita, scoperta, gratitudine e attivazione: questo è stato “The garden Tribe”

Condividi

di Francesca Cavone e Daniela Quispe Gutierrez

“Le prime settimane di Luglio presso “Il Salto”, una piccola azienda agricola in provincia di Macerata, il tempo scorreva in modo diverso. Con il sorgere dell’alba, i girasoli si svegliavano e arrivava “La Tribù”. Un gruppo di persone il cui cuore è più grande delle pentole di pasta preparate da Francesca e Dino, i proprietari dell’azienda. 

La Tribù, come il buon cibo, nutre l’anima e la riempie.

Al calar del sole, Federico dava gli ultimi ritocchi all’orto. Altri cercavano un luogo fresco per leggere, scrivere, disegnare, suonare la chitarra o semplicemente contemplare la vita. Sono stati giorni di introspezione, in cui allo stesso tempo si pensava agli altri prima che a se stessi.

La domenica, poi, ognuno se ne è andato per la sua strada, desiderando di tornare al più presto in quel luogo in cui è stato felice”.

Con questo pensiero Daniela, ci racconta la sua esperienza come volontaria del progetto di scambio giovanile Erasmus+ “The garden Tribe” che si è svolto dal 3 al 10 Luglio 2022 presso l’Azienda Agricola Il Salto in Sant’Angelo in Pontano, in provincia di Macerata.

“The garden Tribe” è nato dalla proposta di tre volontari spagnoli, Daniela, Gabriel e Alba, che dopo aver svolto l’anno scorso un’esperienza di mobilità all’interno del progetto ESC Youthquale II – coordinato da ARCS – sempre nel territorio di Macerata, hanno deciso di attivarsi per dargli un seguito.

Quest’anno sono stati 20 i giovani provenienti da Italia e Spagna che si sono cimentati in attività artistiche e di agricoltura sociale quali strumenti di inclusione, che hanno esplorato i piccoli borghi dell’entroterra marchigiano, ancora sottoposti alle conseguenze dei terremoti del 2016, e che hanno visitato realtà educative del territorio in cui vengono utilizzate metodologie pedagogiche outdoor, a contatto con la natura.

Il progetto prevedeva, poi, anche la partecipazione ad attività con i giovani della Tribù di Anffas Sibillini, e momenti di incontrato con i giovani volontari ESC Youthquake II, con cui condividere le reciproche esperienze all’interno dei programmi UE dedicati alla gioventù.

Riassumendo, “The garden Tribe” è stato:  “crescita, scoperta, gratitudine e attivazione”.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti