18Maggio2023 Rifugiati cristiani iracheni in Giordania – Valutazione delle fonti di reddito e sostentamento

Condividi

Ibtihal Safi, coordinatrice del progetto presso ARCS Giordania

Dopo la guerra guidata dagli Stati Uniti, gli attacchi settari e l’occupazione da parte dello Stato Islamico (ISIS), centinaia di migliaia di iracheni sono fuggiti in Giordania e in altri paesi confinanti. Ora, a causa dell’instabilità politica e delle violenze contro i rifugiati indifesi, gli iracheni che sono stati costretti a lasciare la propria patria sono scoraggiati dal tornare.

Le minoranze religiose ed etniche come i cristiani, gli yazidi e altri che hanno subito persecuzioni e saccheggi delle loro case, alcuni dei quali si trovano ora in Giordania, sono ancora sfollati e lottano per trovare lavoro o sostentamento per le loro famiglie. Nel dicembre 2022, la Giordania ospitava oltre 61.000 rifugiati iracheni, il secondo gruppo più numeroso nel paese. Tuttavia, non tutti gli iracheni in Giordania hanno un certificato di richiedente asilo dell’UNHCR, e di conseguenza non hanno documentazione né aiuti umanitari.

Durante un progetto finanziato dalla Conferenza Episcopale Italiana per sostenere la minoranza cristiana irachena ad Amman, in collaborazione con Caritas Giordania, lo staff di ARCS ha avuto l’opportunità di parlare con i membri di questa minoranza e ascoltare le loro storie.

Dato l’assenza di informazioni recenti e studi umanitari e accademici aggiornati sui rifugiati e richiedenti asilo delle minoranze che vivono in Giordania a seguito della migrazione forzata, ARCS ha condotto uno studio per valutare le condizioni socioeconomiche e di sussistenza degli iracheni che risiedono ad Amman. Lo studio si è concentrato sulla comprensione della loro situazione attuale, delle loro necessità e dei meccanismi di adattamento.

La ricerca ha analizzato l’accessibilità e le carenze nella fornitura di servizi in diversi settori, come lavoro, istruzione, salute, sicurezza alimentare, acqua, igiene e assistenza legale. I risultati hanno rivelato che la minoranza cristiana tra i rifugiati iracheni in Giordania vive in condizioni difficili, con accesso limitato ai servizi essenziali, mentre aspetta di essere reinsediata in altri paesi.

Oltre ai risparmi e alle pensioni derivanti dai lavori svolti in precedenza in Iraq, la principale fonte di reddito per la maggior parte di loro è il sostegno finanziario dei parenti. Solo il 5% degli uomini è riuscito a trovare lavoro dopo essersi trasferito in Giordania, e la situazione è ancora peggiore per le donne, poiché praticamente tutte le partecipanti allo studio non hanno mai avuto un’occupazione in Giordania.

La mancata frequenza della scuola tradizionale rimane una preoccupazione seria per i bambini iracheni. La maggior parte di loro frequenta scuole informali o scuole gestite dalla chiesa. Questa scelta è motivata dalla volontà dei genitori di proteggere i propri figli dall’isolamento e dai sentimenti di insicurezza che si possono sperimentare nelle scuole pubbliche. Tuttavia, il principale ostacolo segnalato dai genitori per garantire un’educazione di qualità è rappresentato dai costi elevati delle tasse scolastiche e dei materiali didattici.

Inoltre, le spese mediche e sanitarie elevate scoraggiano gli iracheni dal cercare assistenza e supporto; spesso sono disinformati sui servizi disponibili in modo più accessibile. L’accesso a cibo e medicine è stato identificato come il bisogno più urgente. Inoltre, dopo aver vissuto esperienze di violenza e eventi traumatici, quasi la metà dei partecipanti allo studio, o un membro della loro famiglia, ha bisogno o ha avuto bisogno di cure psichiatriche e supporto per disturbi psicologici.

La Giordania presenta un tasso medio di denutrizione e più della metà dei partecipanti ha riferito che le loro famiglie non riescono a sostenersi adeguatamente a causa dei prezzi elevati dei generi alimentari. Ridurre il numero o le porzioni dei pasti giornalieri e ricorrere a prestiti per acquistare cibo sono strategie adottate per far fronte alle esigenze alimentari della famiglia e garantire una sicurezza alimentare di base.

Infine, è stata espressa preoccupazione per le spese legate ai servizi dei consulenti per l’immigrazione, con circa il 90% dei rifugiati e richiedenti asilo che segnalano di non aver ricevuto assistenza legale, come consulenza o rappresentanza legale in tribunale quando necessario.

Scarica il report completo

paesi d'intervento

11

Countries of intervention

progetti

250

Project

operatori locali

500

Local operators

Sign up for the newsletter

How we use the funds

8%To the structure

92%To projects