fbpx

Il Progetto

Il 4 agosto due violente esplosioni hanno colpito il centro di Beirut causando oltre 100 morti, 4000 feriti e oltre 100 dispersi. L’onda d’urto ha coinvolto la parte più popolosa della città raggiungendo circa 750mila persone nel raggio di 9 km dall’epicentro della tragedia.

Migliaia di famiglie sono r imaste senza un tetto, senza cibo e persino senza cure mediche adeguate a causa del sovraffollamento degli ospedali. Il Paese, infatti, è già duramente colpito dalla pandemia di Covid-19 e da una crisi economica senza precedenti che ha aggravato le condizioni di povertà in cui molti libanesi già vivevano, allargando il numero di cittadini a rischio.

Cosa serve

Beni alimentari, riparo, kit igienici, mascherine e medicinali.

Le organizzazioni con cui ARCS lavora in Libano, fin dalle prime ore sono intervenute per fornire assistenza medica, cibo e riparo alle vittime.

Ora hanno bisogno del tuo aiuto per continuare a portare soccorso alla popolazione sfollata.

– Con 100€ garantisci un Kit di emergenza ad una famiglia, composto da: kit igienico, generi alimentari non deperibili, mascherine e guanti;
– Con 50€ garantisci un Kit riparo , composto da: materasso e coperte;
– Con 25€ garantisci un pacco alimentare con generi non deperibili;
– Con 10€ garantisci Kit igienico , composto da: assorbenti igienici, salviette, sapone e biancheria intima; – Con 5€ garantisci un pasto caldo .

Chi siamo?

ARCS Culture Solidali si occupa di solidarietà e cooperazione internazionale, volontariato ed educazione alla cittadinanza globale, aiuto umanitario e accoglienza. Luogo di incontro e di attivismo di grandi personalità come Tom Benetollo, Renzo Maffei e Rino Serri, ARCS ha accolto le eredità valoriali dei suoi fondatori, incorporandole nel proprio modello etico e orientando il proprio agire secondo i principi di onestà, uguaglianza, responsabilità, trasparenza e solidarietà.

Chi fornisce gli aiuti sul campo?

Basmeh & Zeitooneh (sorriso e olive) , è un’ONG libanese fondata nel 2012 da giovani siriani e libanesi che hanno deciso di far fronte all’emergenza dei rifugiati siriani in Libano. Nel maggio del 2015 insieme ad ARCS ha aperto un Centro Comunitario nel quartiere di Naba’a, che offre a donne e giovani corsi di formazione finalizzati all’inserimento economico e sociale, garantendo anche supporto scolastico e sostegno psicosociale. Dallo scoppio della pandemia di Covid hanno riconvertito molte delle loro attività per fornire sostegno diretto alla popolazione con la distribuzione di generi di prima necessità. Attualmente, la ONG gestisce 7  Centri Comunitari in Libano.

Amel , fondata nel 1979, dispone di 25 centri di salute e 9 unità mobili in tutto il Paese. L’organizzazione fornisce servizi sanitari di base e attività di livelihood e protezione. Con ARCS ha da qualche anno una collaborazione su interventi di salute visiva nella Valle della Bekaa.

Grazie al tuo sostegno porteremo un aiuto concreto alle persone colpite da questa tragedia!

Campagna realizzata in collaborazione con Arci Aps