fbpx

01Gennaio2015 Decent Work, Social Protection and Freedom of Association in the Middle East and North Africa: Mobilising for Social Justice by strengthening and promoting CSOs, social movements and (independent) trade unions’ role in reforms and democratic changes

Condividi

chiuso
icon
Medio Oriente e Nord Africa
Giordania
icon
Accesso al lavoro / Inclusione sociale, Pace e diritti,
icon
48 mesi (concluso 31 dicembre 2018)
icon
€ 1.144.578,00 euro

Il Programma regionale capitanato da SOLIDAR su lavoro dignitoso, protezione sociale e libertà di associazione in Medio Oriente e Nord Africa ha cercato di dare voce a tutti coloro che ricercano un cambiamento e che rischiano di essere ignorati. Ha riunito le principali parti interessate, comprese le OSC che assicurano l’accesso a servizi sociali essenziali per le persone vulnerabili e le rappresentanze indipendenti dei lavoratori (sindacati). Il progetto ha coinvolto vari Paesi: Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Palestina, Tunisia, Belgio, Francia, Italia e Spagna. Obiettivo del progetto era quello di rafforzare e promuovere le organizzazioni della società civile, i movimenti sociali e i sindacati indipendenti al fine di assumere un ruolo di guida nel campo delle riforme e dei cambiamenti democratici.

Beneficiari

Il progetto ha coinvolto come beneficiari diretti: Ong giordane impegnate in questioni di giustizia sociale, sindacati indipendenti, Fondazioni per la sicurezza sociale, giornalisti, ricercatori, Ministero del lavoro, Ministero della giustizia. Riguardo i beneficiari indiretti: gioventù giordana, organizzazioni della società civile giordana, società giordana in generale, lavoratori giordani, lavoratori migranti.

Partner

Daem Observatory for Consultation and Training “Tamkeen Fields for Aid”, SOLIDAR (capofila), West and East Centre for Human Resources Development,

Finanziamenti

Fondi privati, Unione Europea,

Il Programma regionale capitanato da SOLIDAR su lavoro dignitoso, protezione sociale e libertà di associazione in Medio Oriente e Nord Africa ha cercato di dare voce a tutti coloro che ricercano un cambiamento e che rischiano di essere ignorati. Ha riunito le principali parti interessate, comprese le OSC che assicurano l’accesso a servizi sociali essenziali per le persone vulnerabili e le rappresentanze indipendenti dei lavoratori (sindacati).

Il progetto ha coinvolto vari Paesi: Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Palestina, Tunisia, Belgio, Francia, Italia e Spagna. Obiettivo del progetto era quello di rafforzare e promuovere le organizzazioni della società civile, i movimenti sociali e i sindacati indipendenti al fine di assumere un ruolo di guida nel campo delle riforme e dei cambiamenti democratici. Il progetto intendeva stimolare inoltre la partecipazione della società civile ai processi decisionali locali, nazionali ed europei, relativi alla politica europea di vicinato, e in particolare monitorare i piani d’azione e gli accordi di associazione tra l’UE e i Paesi nella regione. Le attività del programma sono state svolte da 20 organizzazioni di rappresentanti della società civile tra i membri e i partner di SOLIDAR nella regione.

ARCS è stato responsabile delle attività in Giordania. Il progetto ha coinvolto vari stakeholders tra cui le organizzazioni della società civile che garantiscono ai gruppi più vulnerabili l’accesso ai servizi sociali e portano avanti azioni di advocacy per i loro diritti economici, sociali e culturali. Trattasi dunque di movimenti sociali che, dal basso, uniscono persone vulnerabili e rappresentanti dei lavoratori indipendenti che operano liberi da interferenze governative.

Questo progetto ha operato su una dimensione regionale ed europea di lobby e advocacy: sono state organizzate conferenze, workhshops e seminari, mentre i report prodotti sono messi a disposizione per azioni di negoziazione all’interno della Commissione Europea. Partner locali di ARCS, focal point per la Giordania, sono stati Tamkeen Fields for Aid e West and East Center. Tamkeen si concentra sui diritti dei lavoratori migranti, in particolare impiegati nel settore agricolo mentre il WE Center promuove la partecipazione attiva dei giovani nella società giordana.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti