01Novembre2020 INDIMEJ – Azione per l’inclusione economica e sociale di giovani e donne in Tunisia 

Condividi

aperto
icon
Medio Oriente e Nord Africa
Tunisia
icon
Accesso al lavoro / Inclusione sociale, Empowerment di genere, Immigrazione, Sviluppo Rurale,
icon
24 mesi
icon
€ 1.679.000,00 euro

Il progetto intende affrontare il legame tra la povertà e le forme di esclusione sociale ed economica in Tunisia, alla base dei processi migratori. L’iniziativa, infatti, vuole rispondere ai fabbisogni socio-economici della popolazione vulnerabile, favorendo lo sviluppo socio-economico, la creazione di opportunità di lavoro e il trasferimento di competenze e capacità professionali. 

Beneficiari

Partner

ASSOCIATION ILEF, Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau - AIFO, Associazione Pontes Ricerche e Interventi, Centro Informazione ed Educazione allo Sviluppo Onlus - CIES Onlus, HALIÉUS – Organizzazione di cooperazione internazionale per lo sviluppo, Institut des Régions Arides (IRA), Union Tunisienne de Solidarité Social UTSS,

Finanziamenti

Ministero dell’Interno DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L’IMMIGRAZIONE Ufficio III - Relazioni internazionali,
L’iniziativa si svolge in Tunisia, nei Governatorati di Biserta, Nabeul, Grand Tunis (che include: Manouba, Ariana, Ben Arous, Tunisi) e Tataouine, identificati per gli alti indici di disoccupazione oltre che per essere tra le principali zone di provenienza e di partenza dei migranti verso l’UE.

In queste regioni, le condizioni del mercato del lavoro sono critiche. Dalla rivoluzione del 2011, il numero di migranti verso l’UE è raddoppiato (circa 13.000 partenze/anno). Da gennaio 2016 a ottobre 2018, i rientri non volontari sono stati 5.243 (in maggioranza uomini: il 65% con studi primari e il 70% dei quartieri disagiati di Tunisi). Per i giovani, questi dati derivano spesso dalla mancanza di occasioni formative in linea con il mercato del lavoro e dal difficile accesso agli incentivi al lavoro autonomo, uniti a una visione a volte irrealistica delle prospettive della migrazione.

Il progetto intende quindi affrontare il legame tra la povertà e le forme di esclusione sociale ed economica in Tunisia, alla base dei processi migratori. L’iniziativa, infatti, vuole rispondere ai fabbisogni socio-economici della popolazione vulnerabile, favorendo lo sviluppo socio-economico, la creazione di opportunità di lavoro e il trasferimento di competenze e capacità professionali.

In particolare, il progetto vedrà: la realizzazione di percorsi formativi creati per giovani/donne/potenziali migranti diretti all’inserimento nel mondo lavorativo, all’accesso a finanziamenti e allo sviluppo della micro-imprenditoria; la promozione di forme di sviluppo socio-economico e prevenzione all’emigrazione irregolare (tavoli di concertazione municipali, attività di sostegno all’avvio di microimprese, un’azione di sensibilizzazione e informazione sui rischi del percorso migratorio irregolare, ma anche sulle opportunità lavorative offerte in Tunisia); il trasferimento di competenze da parte della diaspora e la canalizzazione di investimenti verso attività generatrici di profitti e di opportunità di impiego in Tunisia.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti