01Marzo2021 Youthquake II – Resilience Paths

Condividi

chiuso
icon
Europa
Italia
icon
Educazione e cittadinanza attiva, Volontariato,
icon
34 mesi
icon
€ 185.443 euro

Youthquake II, nasce dalla volontà di dar seguito alle relazioni consolidate durante la prima edizione del progetto di volontariato strategico Youthquake (2017-2020) costruendo risposte attive e solidali alle nuove sfide sociali nate anche in seguito all’emergenza causata dalla pandemia.

Beneficiari

Partner

Comune di Macerata, Fondazione dopo di noi Anffas sibillini, Gruca Onlus (Macerata), Io non crollo (Cemerino), Movimentazioni Pescara (ARCI),

Finanziamenti

Agenzia Nazionale per i Giovani,

La sfida era la ricostruzione sociale, economica, fisica, comunitaria di aree dell’Italia centrale colpite dai fenomeni sismici tra agosto 2016 e gennaio 2017 attraverso l’invio e l’accoglienza di volontari in alcune di queste zone. Il progetto coinvolgeva associazioni, organizzazioni pubbliche e private delle regioni Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo, come soggetti ospitanti, e organizzazioni europee accreditate per l’invio di volontari. È proprio dalla valutazione dei risultati del progetto Youthquake che, alcuni dei Partner hanno deciso di portare avanti l’impegno e la presenza sul territorio del centro Italia attraverso un approccio basato sulla continuità, l’accompagnamento e la volontà di attuare un impatto strutturato e su lungo periodo. Le organizzazioni di accoglienza incluse nel presente progetto lavorano infatti quotidianamente a contatto con l’utenza del territorio, e anche Youthquake II si configura non come un intervento limitato nel tempo, ma fa parte di un sistema integrato di supporto di lungo termine che vuole dare una dimensione internazionale all’impegno costante delle singole organizzazioni. Da un confronto tra i partner sono state individuate le criticità maggiori sul territorio: – non conoscenza delle opportunità presenti nel panorama europeo da parte dei giovani che vivono in condizioni di svantaggio socio-culturale, economico, geografico. I giovani volontari europei si porranno quindi come degli esempi delle esperienze internazionali che è possibile svolgere per innescare un effetto moltiplicatore; – alcuni piccoli Comuni interni sono caratterizzati da una difficoltà di connessione rispetto a ciò che accade nel panorama europeo; la sensazione di isolamento vissuta, soprattutto nei giovani, così come la mancanza di attività di aggregazione può provocare dinamiche disfunzionali, processi di emarginazione ed esclusione sociale. Tale condizione non riguarda solamente i giovani ma anche gli adulti e gli anziani. Come Youthquake, Youthquake II vuole quindi rappresentare la “scossa” che giovani europei possono portare a territori prima colpiti dal sisma del 2016-2017 e dalle sue conseguenze sociali ed economiche, poi aggravate dall’emergenza sanitaria e dall’impatto economico di essa sul territorio. L’idea di fondo è di contribuire al rafforzamento dei legami di solidarietà delle associazioni ospitanti e delle comunità locali in aree caratterizzate da un forte isolamento attraverso il contributo attivo di giovani da diverse parti d’Europa. Il principale impatto che Youthquake II si propone di attuare è la creazione di esperienze solidali ed inclusive volte ad incentivare la partecipazione attiva dei giovani e dell’intera comunità locale.

Le associazioni ospitati sono Gruca onlus (Macerata), Io non crollo (Camerino), MovimentAzioni, circolo Arci e libreria indipendente di Pescara e il Comune di Macerata.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti