La situazione in Ucraina peggiora ora dopo ora. Migliaia sono già i morti e i feriti tra i civili.
Secondo l’Unhcr, al 13 Aprile, 4.656.509 rifugiati hanno attraversato il confine con i Paesi vicini in cerca di sicurezza. Altri 6,5 milioni di persone sono sfollate all’interno dell’Ucraina. Si stima che circa 13 milioni di persone siano bloccate nelle aree colpite dal conflitto o impossibilitate a potersi spostare.

ARCI e ARCS fin da subito hanno chiesto il cessate il fuoco per costruire la pace. Hanno messo in campo azioni di solidarietà e sostegno, supportando le organizzazioni attive in Ucraina e in PoloniaAttraverso i circoli e comitati, hanno promosso raccolte straordinarie di beni di prima necessità.

Insieme possiamo fare di più.

COSA PUOI FARE TU

DONA

Effettua subito una donazione per sostenere l’azione delle associazioni in Ucraina e in Polonia attive nell’accoglienza di milioni di profughi o per favorire l’arrivo in Italia in modo sicuro e organizzato di chi fugge, in particolare donne, bambini e disabili.

Carta di credito

Bonifico bancario

Il bonifico bancario va intestato a:
ARCS – ARCI Culture Solidali APS,
Via dei Monti di Pietralata 16, 00157 Roma
Banca popolare etica, Via Parigi 17, – 00185 Roma
C/C n. 15080807
IBAN: IT12S0501803200000015080807
BIC/SWIFT: CCRTIT2T84A

Causale: Emergenza Ucraina

AIUTA

Scopri le iniziative dei circoli e dei comitati ARCI sul territorio. Entra in contatto per aiutarli e sostenerli direttamente 

ATTIVATI

Promuovi una raccolta fondi tra le tue amiche e i tuoi amici, i tuoi familiari e parenti. Organizza un evento, una cena, uno spettacolo per raccogliere fondi e dona alla campagna

NOTIZIE

Ucraina: la storia di Sasha

Sasha ci racconta la fuga dall’Ucraina con la sua famiglia, l’arrivo in Italia e l’accoglienza nel nostro Paese

In fuga dall’Ucraina | Diario di viaggio della missione ARCI/ARCS pt.4

Al quarto giorno di missione ci troviamo in una delle piazze principali di Lublin, dove incontriamo l’organizzazione Homo Faber. Si chiedono dove andranno queste persone tra qualche settimana, si pone già il problema di gestire al meglio l’emergenza dopo l’onda emotiva, che a breve diventerà una crisi protratta.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti